Sidebar

Magazine menu

11
Lun, Dic

Delli Santi Francesco

Delli Santi Francesco

Francesco Delli Santi è nato a Lecce il 24 gennaio 1948, dove si diploma al Liceo Artistico; continua gli studi all'Accademia di Belle Arti di Roma conseguendo il diploma in Decorazione con Sante Monachesi, col quale collabora, partecipando al Movimento "Agra", inoltre opera col pittore Giulio Turcato e con il poeta e critico d'arte Emilio Villa.

Partecipa attivamente alla vita delle avanguardie romane degli anni '70 stringe un sodalizio con Simone Carella nell'ambito del "Beat 72" realizzando nel 1972 le seguenti pieces tetrali: "Fine della rappresentazione"; nel 1976 "L'uomo come giocatore esiste", nel 1977 "Diagnosi 1977", e nel giugno 1979 è promotore con Simone Carella del primo Festival internazionale dei Poeti di Castelporziano.

Opera nel versante delle arti figurative con Gino De Dominicis. Realizza alcune performances all'aperto, tra cui 1970 a Piazza di Spagna "Teatro come gioco", 1971 in Via Ripetta "Distruzione del pianoforte". Collabora con Charlie Chaplin durante la sua visita a Milano del 1972 e a Roma con John Cage. Nello stesso anno realizza due film "Ritratti in progressione", "Col mondo in bocca non si può parlare". Dal 1975 intrattiene rapporti con Pierre Restany il quale è entusiasta come Emilio Villa del lavoro sulla Gioconda. Nel 1984 Cesare Vivaldi lo segnala sul Bolaffi Arte. Sue opere sono in permanenza al "Museo 2000 d'arte moderna" di Luxemburgo e in diverse collezioni pubbliche e private. Ha ricoperto la carica di Segretario Generale dell'Accademia d'Europa dal 1995 al 1997, organizzando varie mostre tra le quali quelle di Umberto Mastroianni, Mario Schifano, Tano Festa, Franco Angeli, Lamberto Pignotti, Man Ray, Joseph Beuys e la propria antologica "25 anni di ricerca dal 1970 al 1995". Nel 2000 organizza il primo corso di aggiornamento per le Accademie di Belle Arti, presso la Galleria Comunale d'Arte Contemporanea di Roma. Attualmente è titolare della Cattedra di Pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Roma. Dirige il corso di didattica dell'Arte Visiva Multimediale da lui ideato presso la stessa Accademia dal 2000. Si è interessato dell'iconografia del Buddha dal 1980, ottenendo molteplici riconoscimenti internazionali. Fra i suoi contributi scientifici nel campo ha decodificato le 56 posizioni di Buddha dalle quali ne ha ideato il "metodo della chiaroveggenza" ha soggiornato per studi in vari paesi orientali e medioorientali, fra cui, Grecia, Turchia, Russia, Tunisia, Egitto, Sudan, Kenia, Marocco, Siria, Senegal, India, Tibet, Cina, Pakistan, Colombo, Thailandia, Indonesia, Birmania, sul versante delle Americhe ha soggiornato negli USA, Cuba, Santo Domingo, Messico, Puerto Rico, Venezuela, Brasile.